Relazione tra sistema immunitario e corretta alimentazione

0
521

Il nostro sistema immunitario costituisce il nostro scudo di difesa nei confronti di potenziali agenti patogeni come virus, batteri, funghi e parassiti, quando è basso può provocare una maggiore predisposizione alle infezioni. I due terzi delle cellule del sistema immunitario si trovano nel nostro intestino (la flora intestinale), che svolge funzioni fondamentali per l’intero organismo, come produrre molecole che controllano le cellule del sistema immunitario e ne permettono la maturazione. Le influenze ambientali modificano la composizione e la funzione immunitaria, virus e batteri, infatti, trovano terreno fertile in individui immunocompromessi. I fattori che agiscono negativamente sono: stress psicofisico, l’uso sconsiderato di farmaci, fattori ambientali come il freddo, l’umidità, cambi di stagioni, sedentarietà, affaticamento fisico e alimentazione inadeguata. Seguire una dieta sana, adeguata al proprio organismo e alla propria condizione fisica, è uno dei migliori modi per mantenere in salute il proprio corpo attuando un’efficace azione preventiva nei confronti di patologie e migliorarne i livelli energetici. Mantenere sano ed efficiente il nostro intestino è una regola fondamentale in quanto il microbiota interagisce attivamente con il nostro sistema immunitario. Il microbiota che per definizione rappresenta l’insieme dei microrganismi che colonizzano la mucosa del nostro intestino ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo dei tessuti linfoidi intestinali e per la maturazione quantitativa e funzionale delle cellule immunitarie che proteggono l’intestino. Un microbiota danneggiato non ci protegge dalle infezioni, basti pensare che l’intestino produce circa centomilamiliardi di microorganismi e produce circa il 60-70% delle cellule immunitarie dell’organismo. La dieta è in grado di influenzare profondamente la composizione della flora enterica e la salute della mucosa intestinale, ciò che mangiamo ha importanti effetti sul sistema immunitario. Alcune ricerche indicano che diverse carenze di micronutrienti come rame, zinco, ferro, acido folico, vit. A, B6, vit. C, ed E alterano la risposta immunitaria. Una dieta appropriata è costituita da frutta e verdura cereali integrali, yogurt, associati magari all’assunzione di prebiotici; è buona abitudine limitare l’assunzione di cibi ricchi di grassi saturi, anche gli zuccheri semplici hanno un effetto negativo sull’intestino, poiché costituiscono il nutrimento primario per i batteri nocivi. Una dieta povera di fibra interferisce su molte classi  batteriche poiché non si moltiplicano e non vengono nutrite, anche  un inadeguato apporto di proteine compromette negativamente la produzione e la funzione di glicoproteine che costituiscono una parte importante del sistema immunitario. E’ molto importante preservare la flora batterica intestinale, molti sono i fattori che la influenzano negativamente, i principali sono: l’uso prolungato di antiacidi, l’acidificazione dell’organismo in seguito ad una alimentazione non alcalinizzante, dieta a base cibi di qualità scadente, industriali o raffinati che non forniscono energia sufficiente e indeboliscono il sistema immunitario, terapia antibiotica e costipazione cronica in cui vi è un accumulo di tossine. Inoltre, per preservare la flora batterica e un sistema immunitario intestinale integro e funzionale bisogna seguire un’alimentazione e uno stile di vita il più possibile sano, è bene bere acqua a sufficienza consumare  una buona quantità di alimenti ricchi di fibre, in particolare i frutto-oligosaccaridi (FOS) che favoriscono la crescita di colonie simbiotiche benefiche, mentre inibiscono quelle patogene e liberano acidi grassi a catena corta che proteggono le pareti intestinali. Infine, bisogna ricordare che le famiglie principali di microrganismi in grado di mantenere in salute  l’intestino sono i bifidobatteri e i lattobacilli. I bifidobatteri promuovono  la produzione di vitamine del gruppo B che sono coinvolte a rafforzare il sistema immunitario e incrementare l’azione immunostimolante di difesa dalle infezioni da agenti nocivi. I lattobacilli concorrono a migliorare il sistema difensivo immunitario della mucosa intestinale, grazie all’aumento di linfociti B e T e alla migliore concentrazione di anticorpi IgM.

Foto copertina tratta dal sito www.bambino.it

Dott.ssa Rosa Piraino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.